Skip Ribbon Commands
Skip to main content

Innovare la formazione: la sfida dell’Academy Comau e del suo team

La rivoluzione digitale sta trasformando il mondo della formazione. Grazie all'innovazione tecnologica è possibile sperimentare nuove modalità di apprendimento e di insegnamento. Studiare diventa più semplice e intuitivo grazie all'uso di app e digital device. Mentre è possibile comprendere le basi del coding usando semplicemente un tablet, oppure imparare materie STEM, mettendo in pratica formule e concetti appresi in aula con l'aiuto di un robot. Questo è quanto accade negli e.DO Learning Center di Comau, laboratori di formazione che permettono di scoprire il mondo della robotica e delle discipline scientifiche attraverso il supporto di e.DO, un braccio robotico, modulare e open source, sviluppato da Comau con finalità educative.

Il progetto, progettato e realizzato dalla Comau Academy, viene portato in tutto il mondo grazie a un team di giovani divulgatori scientifici animati dalla stessa passione: usare la tecnologia per dare vita ad un modo non convenzionale e più efficace di imparare.

«Grazie ad e.DO, l'esperienza di formazione in aula diventa unica e indimenticabile – afferma Giuseppe Daqua, Comau Academy Training Specialist, responsabile dei progetti didattici di e.DO Learning Center, laureato in Fisica – . Gli alunni hanno la possibilità di capire ciò che studiano in modo semplice, divertente, quasi ludico. Programmando e.DO tramite un tablet è possibile studiare la matematica o le STEM direttamente sul campo. Provare ad applicare la "proprietà commutativa" insieme ad un robot si trasforma, ad esempio, in un compito divertente e coinvolgente».

Lo stesso accade per chi fa il formatore: «Le modalità didattiche messe in pratica in un e.DO Learning Center permettono di lavorare con i partecipanti in modo trasversale su competenze diverse, dal problem solving alla capacità di organizzazione, dalla gestione di un gruppo al team building – spiega Giuseppe Daqua -. Il formatore è un "facilitatore", dotato non solo di conoscenze tecniche e scientifiche, ma anche di un approccio umanistico e attitudini relazionali».

L'e.DO Learning Center Comau fa parte delle iniziative didattiche lanciate dalla piattaforma di formazione innovativa e.DO Experience. Si rivolge a studenti delle scuole primarie e secondarie, con età compresa fra gli 8 e i 19 anni, interessati a conoscere più da vicino il mondo della scienza, della robotica e della tecnologia in genere. Un progetto che fin dalla sua nascita, nel 2018, è stato caratterizzato da un forte e positivo sviluppo. Ad oggi sono stati attivati numerosi e.DO Learning Center, sia in Italia che all'estero, che hanno ispirato e formato più di 10.000 giovani e che contano sulla collaborazione e la professionalità di un team di formatori in continua espansione

Per la sua sede di Grugliasco (TO), la Academy Comau è infatti alla ricerca di una nuova figura professionale da inserire nella propria squadra: un facilitatore di laboratori di robotica educativa per ragazzi e adulti, con propensione a progettare e a sviluppare percorsi formativi di taglio tecnologico-scientifico.

«Ho iniziato a collaborare con la Academy Comau nel 2018 seguendo lo sviluppo e la gestione del laboratorio didattico Combo, realizzato da Comau in collaborazione con la Fondazione Agnelli, oltre che di attività didattiche per gli.DO Learning Center e Lab di Comau, sia in Italia che in Inghilterra e Svezia – racconta Malcolm Bisio, Comau Academy Training Specialist, laureato in Ingegneria Aerospaziale - . È stato un anno di lavoro intenso e affascinante, in particolare per il contatto diretto e arricchente che un formatore instaura con allievi e docenti e per la possibilità di conoscere tante persone provenienti da ambiti, culture ed esperienze diverse».

Un lavoro che impone un radicale cambio di mentalità personale e professionale: "Lavorare con gli studenti che si approcciano per la prima volta ad e.DO è stata un'occasione incredibile di apprendimento, perché non ci si trova a gestire lezioni frontali classiche, ma aule in cui l'interazione con gli studenti - e tra studenti e tecnologia - è preponderante e fondamentale. È così che si impara dagli allievi stessi. Quando le persone si trovano in un contesto di apprendimento inusuale che prevede, come in questo caso, un'attività pratica con un robot, sono in grado di tirare fuori potenzialità nuove e spesso inespresse. Si pensi alle soft skills, come la capacità di problem solving o di lavoro di gruppo», spiega Bisio.

Infine, un aneddoto: «Ho iniziato a collaborare con il team della Academy Comau nel 2016, seguendo i primi progetti di formazione con e.DO robot – racconta Giuseppe Daqua -. All'inizio, questo piccolo braccio robotico era solo un concept, si lavorava su un'idea più che su un oggetto fisico, su una tecnologia industriale che si voleva mettere alla portata di tutti e al servizio della scuola e del mondo educational. Ricordo ancora la prima volta che ho portato 3 e.DO in una scuola primaria piemontese, il fascino e l'interesse che questi piccoli robot hanno suscitato negli studenti. Oggi sono fiero di sapere che e.DO è presente in tutto il mondo ed è protagonista di learning center di successo, con attività di training rivolte sia a bambini che ad adulti - studenti, professionisti, manager. e.DO è stato una sfida, sia per Comau, che ha voluto esplorare nuove possibilità d'utilizzo per le proprie tecnologie industriali, avvicinandosi ad un settore nuovo. Sia per un formatore come me, che ha potuto lavorare con il team di engineering e della Academy Comau per la realizzazione di un progetto di formazione davvero inusuale e innovativo, vedendolo nascere e crescere giorno dopo giorno».

Vuoi unirti anche tu al team della Comau Academy?

https://www.comau.com/it/job-posting

Reusable Content named '' not found